Stellissimo, notizie dal contest

Mancano un paio di mesi al termine del contest Stellissimo che vede il sito del Pianeta Stellissimo nella top 5 nonostante sia stato l'ultimo partecipante ad iscriversi alla gara promossa da Seo Training. Riuscirà a resistere oppure i concorrenti combatteranno anche con colpi bassi per accaparrarsi le prime posizioni? Non resta che attendere la fine del contest Stellissimo!

Nasa: il Pianeta Stellissimo esiste

La Nasa ha da poco confermato l'esistenza del Pianeta Stellissimo, il misterioso e tanto discusso pianeta dalle caratteristiche Seo ignote e luogo di nascita del super eroe seo Super Stellissimo. Per leggere la storia di Super Stellissimo vai su www.pianetastellissimo.it

E' nato www.totemblueart.it


E'ora on line la versione digitale di Totemblueart rivista di arte e cultura della quale faccio parte! Spero sia una risorsa utile per tutti quelli per i quali la conoscenza è una caratteristica fondamentale per la crescita intellettuale! Buona navigazione! 

Film Festival di Cortometraggi! .....E si vola a Sky!!!







                                                video


Dal 15 al 18 novembre 2007 Rovereto ha ospitato la seconda edizione del Workshop Film Festival “3 minuti in 3 giorni” curato da Alessandra Ferraresi (Producer) e da Alessandra Pescetta (Regista, www.alessandrapescetta.com) per la sezione "Produzione video", da Jacopo Martinoni per la sezione "animazione" e da Massimo Talone per la sezione "Scrivere per immagini"e dedicato ai giovani dai 18 ai 30 anni.
Il tema di quest'anno è "bianco e nero".

La giuria, composta da Gabriella Belli (Direttore del Mart), Francesco Angeli (motion graphic designer), Shlomo Blanga (produttore cinematografico), Gea Casolaro (artista), Adele Gerardi (direttore RTTR), Massimo Fortuna (arte director JWT), Marco Malfi (produttore cinematografico), Mirko Pajé (direttore creativo MEDIASET), Roberto Pisoni (senior producer SKY CINEMA), Roberto Amoroso (direttore artistico Sky), Andreana Chanaz (autore per Rai Educational), Marco Giusti (critico cinematografico e autore televisivo), Alessandra Mammì (direttore responsabile cultura de L'Espresso) e Blas Roca Rey (attore) ha dato il primo premio come "MIGLIOR REALIZZAZIONE TECNICA" "per aver dimostrato buona capacità di gestioine di regia, fotografia e musiche" al cortometraggio "Aut-Out" ralizzato dal sottoscritto Jacopo Romani, Lorenza Maffei, Cesare Bazzanella, Claudo Caliari e Lorenzo Martinelli e che prevede la partecipazione alla produzione di un cortometraggio nell'ambito del programma "Sottocinque" di Sky Cinema.

Breve recensione:
Il corto "Aut-Out" vuole dare una chiave di lettura al tema "bianco e nero" oltre che come ambientazione, anche in chiave di scelte. La scacchiera e le scale sono state utilizzate come metafora della scelta e come percorso verso la scelta che nel corso della vita progrediscono verso una complessità maggiore. Chiari sono i riferimenti alle scale di Escher e all'opera Aut-aut di Kierkegaard il quale affronta le tematiche della scelta. Il corto è stato girato con videocamere mini dv.
SONO MOLTO GRADITI COMMENTI, CRITICHE, DOMANDE...ECC... DA INSERIRE NEI COMMENTI A QUESTO POST!  
                                               

Eccellenze....

-Eccellenze,
ciò che dirò qui non sarà condiviso da tutti, però dirò quel che penso, e lo farò con rispetto.
L'attuale ordine economico mondiale costituisce un sistema di saccheggio e sfruttamento come non è mai esistito nella storia. I popoli credono ogni giorno di meno in dichiarazioni e promesse. Il prestigio delle istituzioni finanziarie internazionali è sotto lo zero. L'economia mondiale è un gigantesco casinò. Recenti analisi indicano che per ogni dollaro che si impiega nel commercio mondiale, oltre cento si impiegano in operazioni speculative che non c'entrano niente con l'economia reale. Questo ordine economico ha portato il 75% della popolazione mondiale al sottosviluppo. La povertà estrema nel Terzo Mondo raggiunge ormai la cifra di 1,2 miliardi di persone.
L'abisso cresce, non si riduce.
La differenza di entrate tra i paesi più ricchi e quelli più poveri, che era di 37 volte nel 1960, è oggi di 74 volte. Si è arrivato a estremi tali che le tre persone più ricche del mondo possiedono attivi pari al PIL combinato dei 48 paesi più poveri. Nel 2001 il numero di persone con fame fisica raggiunse la cifra di 826 milioni; 854 milioni di adulti analfabeti; 325 milioni di bambini che non vanno a scuola; 2 miliardi di persone che mancano di medicine essenziali a basso costo; 2,4 miliardi di persone che non dispongono di condizioni elementari di risanamento. Non meno di undici milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono ogni anno per cause evitabili, e 500 mila restano definitivamente ciechi per mancanza di vitamina A. Gli abitanti del mondo sviluppato vivono 30 anni in più di quelli dell'Africa Subsahariana. Un vero genocidio! Non si può attribuire la colpa di questa tragedia ai paesi poveri. Essi non conquistarono e saccheggiarono durante secoli interi continenti, né stabilirono il colonialismo, né ristabilirono la schiavitù, né crearono il moderno imperialismo. Ne furono le vittime.
La responsabilità principale di finanziare il loro sviluppo spetta agli Stati che oggi, per ovvie ragioni storiche, usufruiscono dei benefici di quelle atrocità. Il mondo ricco deve condonare il debito estero e concedere nuovi prestiti d'aiuto per finanziare lo sviluppo. Le offerte tradizionali di aiuto, sempre rachitiche e molte volte ridicole, sono insufficienti o non si realizzano. Ciò che è necessario per un vero sviluppo economico e sociale sostenibile è molte volte più di quanto si afferma.
Misure come quelle suggerite dal recentemente deceduto James Tobin per frenare il flusso incontenibile della speculazione monetaria, anche se la sua idea non era quella di aiutare allo sviluppo, sarebbero oggi, forse, le uniche in grado di generare sufficienti fondi che, nelle mani degli organismi delle Nazioni Unite e non in quelle di funeste istituzioni come il FMI, potrebbero fornire aiuto diretto allo sviluppo con la partecipazione democratica di tutti, senza il sacrificio dell'indipendenza e della sovranità dei popoli. Il progetto di consenso che ci viene imposto dai padroni del mondo in questa conferenza, è quello di rassegnarci a un'elemosina umiliante, condizionata e che favorisce l'ingerenza.
Bisogna ripensare tutto quanto creato da Bretton Woods fino ad oggi. Non ci fu allora una vera visione del futuro. Prevalsero i privilegi e gli interessi del più potente. Di fronte alla profonda crisi attuale, ci offrono un futuro ancor peggiore, in cui non si risolverebbe mai la tragedia economica, sociale ed ecologica di un mondo che diventerà ogni giorno più ingovernabile, dove ci saranno ogni giorno più poveri e più affamati, come se una grande parte dell'umanità fosse d'avanzo. E' ora di riflessione serena per i politici e gli uomini di Stato. Credere che un ordine economico e sociale che ha dimostrato di essere insostenibile possa essere imposto mediante la forza è un'idea pazza. Le armi ogni volta più sofisticate che si accumulano negli arsenali dei più ricchi e potenti, come dissi una volta, potranno uccidere gli analfabeti, i malati, i poveri e i famelici, ma non potranno uccidere l'ignoranza, le malattie, la povertà e la fame. Una volta tutte si dovrebbe dire "addio alle armi". Deve essere fatto qualcosa per salvare l'umanità! Un mondo migliore è possibile!
Grazie.-


21 marzo 2002
INTERVENTO DI FIDEL CASTRO ALLA "CONFERENZA INTERNAZIONALE SUI
FINANZIAMENTI ALLO SVILUPPO"

TENUTASI A MONTERREY

Climbing Speed World Cup 2007

A Trento, in un contesto davvero speciale, quello del "55° Trento FilmFestival - Montagna, Esplorazione, Avventura", l'arrampicata entra in scena nel cuore della città. Il 1 maggio infatti, in Piazza Duomo, si è tenuta la seconda tappa della Climbing Speed World Cup 2007, la Coppa del mondo di arrampicata promossa dalla A.S. Plastic Rock.
Ecco uno dei video che ho girato. Per gli altri video vi riporto alla mia page di YouTube QUI! Questa è la finale femminile vinta dalla venezuelana:


La sindrome di Tourette

Chissà quante volte vi è capitato di vedere uno di quei tanti film demenziali dove un personaggio è affetto da improvvisi attacchi di parolacce, magari in una situazione che richiede massima serietà.
Stiamo parlando della sindrome di Tourette , che in molti film viene banalizzata sfruttando un sintomo della patologia che oltre a non essere l'unico, non è nemmeno ilo più caratterizzante. Essa, si manifesta con movimenti del corpo e/o facciali e con tic di tipo vocale o verbale che possono variare dalla ripetizione di una parola fino all'incoercibile pulsione a proferire espressioni volgari; la tipologia, la frequenza e la gravità variano ovviamente da un paziente all'altro; vi sono spesso associati anche il disturbo ossessivo-compulsivo e/o il disturbo dell'attenzione. Negli ultimi anni l'ambito di questa patologia è passato da quello psichiatrico a quello neurologico, con evidenze per una predisposizione ereditaria.Tantissime sono le implicazioni di carattere sociale, specialmente per i casi più gravi: la sindrome di Tourette può essere il più invalidante disordine da tic ed è causa di una forte penalizzazione e danneggiamento delle relazioni sociali, e il fatto che sia poco conosciuta incrementa il disagio sociale di chi ne è affetto.
Attualmente non esistono cure in grado di liberare i pazienti da tutti i sintomi e inoltre va detto che alcuni effetti collaterali dei farmaci di solito utilizzati possono essere per molti pazienti peggiori del disordine stesso.

Sono da alcuni anni emerse evidenze scientifiche a favore dell'impiego della cannabis o dei cannabinoidi di sintesi anche per questa patologia.

La sindrome di Gerusalemme

E' simile a quella di Stendhal, che ho esposto in un precedente post, ma si rapporta all'ambito religioso. Consiste nella manifestazione improvvisa, da parte del visitatore della città di Gerusalemme o di altri luoghi ai quali è attribuito forza religiosa, di appassionati sentimenti religiosi e di un impulso a proferire espressioni visionarie.

Sindrome di Uner Tan. Il quadrupedalismo.

La sindrome di Uner Tan è molto nota per via delle possibili implicazioni dal punto di vista antropologico. In una famiglia della Turchia meridionale 5 dei 19 figli sono affetti dalla sindrome. La famiglia Ulas è stata oggetto di un documentario della televisione inglese BBC nel 2006.

I soggetti hanno capacità intellettive molto limitate, con un vocabolario di circa 100 parole e una ridotta coscienza di sé e dell'ambiente che li circonda. Sebbene siano capaci di rimanere con fatica in piedi eretti sulle gambe, non riescono a camminare in questa posizione, ma devono sempre appoggiarsi con le mani a terra.
Alcuni scienziati, incluso il fisiologo turco Uner Tan, che ha individuato la sindrome, ritengono che le caratteristiche di questi individui siano analoghe a quelle dei progenitori di Homo Sapiens prima del passaggio al bipedismo. I soggetti hanno un andatura quadrupede molto spedita, ma a differenza dei primati quadrupedi appoggiano il peso del corpo non sulle nocchie ma sul palmo della mano con le dita sollevate dal terreno. È stato suggerito che questo avrebbe potuto rappresentare un vantaggio evolutivo sugli altri primati quadrupedi, visto che permette di svolgere compiti più complessi, sfruttando le dita libere dalla funzione locomotoria.
Secondo questi scienziati, lo studio degli individui della famiglia Ulas permetterà di migliorare le nostre conoscenze dell'evoluzione umana, identificando ad esempio le regioni genomiche responsabili dell'evoluzione dal quadripedismo al bipedismo.

Sindromi "strane"... La sindrome da ristorante cinese.

Con questo post intendo iniziare una rassegna delle più strane sindromi presenti nella letteratura neuroscientifica e psicologica. Sindromi innimmaginabili, rare, incredibili, bizzarre e drammatiche. Come prima sindrome, molto frequesnte, intendo descrivere la SINDROME DA RISTORANTE CINESE:
è un disturbo che si manifesta con una sensazione di bruciore diffusa a tutto il corpo, senso di pressione facciale,cefalea, stato d'ansia, formicolio alla parte superiore del corpo, dolore in regione toracica, alterazioni della sensibilità e dolori del capo e del collo, senso di bruciore alla nuca, nausea, sudorazione e difficoltà respiratoria.La sindrome ha questo nome perché si manifesta talvolta dopo aver mangiato cibi cinesi, e da alcuni questo è attribuito alla assunzione di glutammato monosodico, un esaltatore del gusto, tradizionalmente usato in modo massiccio nella cucina cinese. La sua assunzione produce una sindrome direttamente legata alla dose assorbita e la sintomatologia varia considerevolmente da un individuo all'altro.Tuttavia, un test clinico in doppio cieco (esperimento nel quale né lo sperimentatore né il soggetto sanno quale prodotto è stato somministrato al soggetto) effettuato su persone che dichiaravano di soffrire della "sindrome" non confermò che il glutammato monosodico fosse l’agente responsabile.Altri studi hanno dimostrato che le reazioni di tipo allergico che insorgono dopo aver consumato pasti di provenienza asiatica sono solitamente attribuibili ad ingredienti come i gamberetti, le arachidi, le spezie e le erbe aromatiche.

"C.A.O.s" a Rovereto (TN). Concepts, Actions, and Objects: Functional and Neural Perspectives

Al via a Rovereto, da oggi (venerdi 20) a domenica, nel neo-nato Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC), la prima edizione di CAOs, "Concepts, Actions and Objects", un workshop dedicato allo studio di ocme viene rappresentata nel cervello la conoscenza che abbiamo di oggetti, eventi, individui e concetti. Gli scienziati invitati a questa prima edizione, esperti di fama internazionale nei diversi settori che vanno dalle scienze cognitive alle neuroscienze, provengono da importanti centri di ricerca come il Weizmann Istitute of Science di Isrlaele, il National Institute of Health degli U.S.A, l'Harvard University e l'Università di Parma.
Uno dei problemi fondamentali delle neuroscienze è quello di coniugare le articolate teorie sulla mente, formulate a livello astratto, con le analisi del funzionamento cerebrale possibili grazie alle tecniche di neuroimmagini."Vedere un oggetto o avere un’intenzione sono nozioni complesse. La sfida sta proprio nel riuscire a riportare questa complessità a livello del funzionamento cerebrale" spiegail direttore del CIMeC Alfonso Caramazza, trasferitosi da Harvard per il progetto del centro di ricerca roveretano.
Sede del seminario sarà la Sala Conferenze del Palazzo della Fondazione Cassa di Risparmio, Piazza Rosmini, Rovereto (Tn).
RASSEGNA STAMPA NAZIONALE con gli artiocoli riguardo alla ricerca a Rovereto comparsi sui vari giornali nazionali.

Il cervello preveggente

Quella di immaginare il futuro nelle sue possibili diverse articolazioni è sicuramente una delle capacità che caratterizzano in modo più spiccato l’essere umano. Ed è un argomento che affascina da sempre psicologi e neuroscienziati. Tuttavia, per quanto siano stati condotti numerosi studi per comprendere le strategie mentali che l’uomo adotta per prevedere gli eventi e pianificare le proprie azioni, erano finora scarsissimi i dati relativi alle specifiche aree cerebrali coinvolte nella creazione di un’immagine mentale di sé nel futuro. A colmare la lacuna, o almeno a iniziare a farlo, ci ha pensato un gruppo di neuroscienziati dell’Washington University a St. Louis, che ne riferisce sul primo numero di quest’anno dei Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS). I ricercatori hanno misurato l‘attività cerebrale mentre i loro soggetti sperimentali eseguivano una serie di esercizi mentali: ricordando un evento personale passato (per esempio l’ultimo compleanno festeggiato), immaginandone uno futuro (come il prossimo compleanno) o un evento riguardante una persona vicina. La risonanza magnetica funzionale ha evidenziato alcune aree che erano più attive nel corso della prefigurazione futura che nel ricordo di eventi passati (corteccia premotoria sinistra; precuneo sinistro; regione posteriore destra del cervelletto); queste aree appaiono simili a quelle attivate dall’immaginazione di movimenti del corpo. Un’altra serie di aree (cingolo posteriore bilaterale; giro paraippocampale bilaterale, corteccia occipitale sinistra), già note per essere importanti nel riconoscimento di contesti visivi e spaziali noti, mostravano una attività ugualmente elevata sia nel ricordo che nella prefigurazione di eventi.

Care vecchie musicassette....

Ormai in rete si trova qualsiasi tipo di musica, qualsiasi artista, di ogni anno e genere. Ormai stanno scomparendo perfino i cd.... Ma le vecchie musicassette? Chissà quanti di voi avranno decine e decine di cassettine stipate in scatoloni o borse da qualche parte. E se si volesse trasferire il contenuto di una cassetta alla quale tenete tanto e volete archiviare il tutto su pc in formato Mp3? Ecco la soluzione:
Lo potete trovare sul sito www.firebox.com/product/1700?src_t=t20 . Fa davvero strano vedere una cassettina inserita in un pc... Non vi viene in mente il mitico Commodore 64?

Sempre lo nello stesso sito si trova questa maglietta con equalizzatore che va a ritmo di musica... Ormai ne inventano di tutti i colori!

Sky Tg 24: Un mondo di notizie, da tutto il mondo, ovunque ti trovi nel mondo.

Se volete seguire il canale satellitare Sky Tg 24 è possibile farlo via straming. Aprendo Windows Media Player, cliccare su Apri, Apri URL e inserire l'indirizzo mms://live.skylife.it/SkyTg24 . Per seguire altri canali in streming senza dover scaricare il Mediacenter andate su www.coolstreaming.tk!

Hard disk pieno? Allargalo con Gmail!

Il vostro hard disk è pieno come un uovo? Usatene uno on-line! Bisognerà inanzitutto creare un account con Gmail (Google) e poi scaricare il programma Gmail Drive dal sito http://www.viksoe.dk/code/gmail.htm . Ed ecco un hard disk supplementare on-line con 2 Gb di spazio disponibile.

Salvare i video di YouTube o altri video streaming? Impossible is nothing!

Potrebbe tornar utile salvare un video in streaming, o un video presente nei tanti siti come YouTube, Google Video...ecc...
Per fare ciò basta collegarsi alla pagina http://javimoya.com/blog/youtube_en.php , inserire il link del video, clikkare su download e il gioco è fatto. In alternativa è possibile scaricare il plug-in per Firefox per avere nel browser la funzione per scaricare il video. Una volta scaricato il plug-in (cliccate QUI per avviare il dowload), vi comparirà un iconcina in basso a destra del browser, si aprira una pagina dove vi viene chiesto di cliccare il pulsante dowload. In certi casi è necessario rinominare il file come .avi e usare il player Vlc o Flv che trovate disponibile da scaricare sempre nella pagina javimoya.com indicata precedentemente.
Spero questo possa tornare utile a tutti! Buon download!

Ipertensione? Colpa di Jam-1!

LONDRA, 15 APR - Una 'equipe' di scienziati britannici ha identificato una proteina che si trova nel cervello come causa dell'ipertensione arteriosa.Lo afferma uno studio sul giornale 'Hypertension'. L'ipertensione e' attribuita al cuore e alla circolazione. I ricercatori dell'Universita' di Bristol hanno isolato la proteina Jam-1 nel cervello che imprigiona i globuli bianchi, causando infiammazioni che alterano la circolazione del sangue e riducono l'apporto di ossigeno al cervello.
Fonte ANSA.

AGGIUNGETEVI ALLA FRAPPR MAP A FIANCO!

Chi legge sul web legge di più

Internet batte carta stampata. Almeno per la capacità di attenzione dei lettori online. E' quanto riporta il sito della Reuters, citando uno studio Usa che contraddice nettamente il luogo comune che i navigatori del web siano dei 'farfalloni' che vanno di sito in sito senza leggere molto.

Approfondisci QUI!

Scoperta una tecnica per trasformare un gruppo sanguigno in un altro

Sangue, sarà tutto "zero universale". di Elena Dusi da La Repubblica.

Per gli ematologi, sempre a corto di sangue da trasfusioni, è come aver trovato la pietra filosofale. Sfruttando chimica e biotecnologie un'équipe di ricercatori ha infatti scoperto una tecnica per trasformare il sangue di gruppo A, B e AB in sangue di gruppo O: quello del donatore universale.
L'innovazione è riferita oggi da Nature Biotechnology.

Leggi l'aricolo completo QUI!

Amici nel mondo 3: L'arrivo di Maru in Japan! Prime immagini...

Il nostro amico Marcello (www.marumaru.tk) è approdato in Giappone alle 8.30 di ieri venerdi 30 marzo dopo esser partito da Venezia il 29 alle ore 11.15 e dopo lo scalo di Vienna. Ecco una delle sue prime immagini:



Per vedere qualche altra foto scattata da Marcello in Giappone clicca QUI!









Ed ecco il primo video girato a Mito sopra l'edificio della stazione in una tonkatsuyasan a mangiare il tonkatsu che è una specie di cotoletta.. molto buona..

Amici nel mondo 2...

YouTUbe awards per il paradiso di Matt!!!!

"Where the hell is Matt?" è il titolo di uno dei video candidati all' YuoTube Awards, che premia il miglior video del mondo del web. A votare il miglior video per ogni categoria saranno i milioni di utenti che alimentano questa rete infinita! Giudicate voi se non merita di vincere questo Matt!!!

Risposta a commento su sindrome di Stendhal

Un nostro affezionato lettore, leggendo l'articolo riguardante la sindrome di Stendhal, afferma che possa aver vissuto un'esperienza del genere in una libreria, ma non avendoci fatto caso la interpretò come una semplice caduta di pressione. Tengo a precisare, in risposta a quanto detto da Sacha, che non sempre c'è una correlazione tra evento fisiologico e ambiente. E' possibile infatti che quanto vissuto da lui sia semplicemernte uno sbalzo di pressione dovuto a cause climatiche di quel luogo e non alla rilevanza artistica, in quanto nella sindrome di Stendhal gioca un ruolo cruciale il coinvolgimento emotivo che accompagna l'evento fisiologico "anomalo". Se quindi questa caduta di pressione è stata accompagnata anche da una forte sensazione emotiva derivata dall'ambiente librario è possibile si tratti di un attacco Standhaliano altrimenti non presentabile semplicemente con variazioni fisiologiche significative senza coinvolgimento emotivo.

Studio anatomosociologico della ciccia in ambiente naturale cileno.

A rettifica di quanto immesso in un precedente post riguardante gli amici nel mondo, tengo a precisare che Amedeo si trova in Cile oltre che per cazzeggio,per un importante studio finanziato dalla A.C.S.n.M, l'Associazione Ciccie Sparse nel Mondo, che vuole indagare lo sviluppo, l'organizzazione e la società della ciccia Cilena. Un ringraziamento per Amedeo che certamente fornirà un importantissimo contributo alla comunità ciccifica.
Buon lavoro!
Ps: per ulteriori agiornamenti , dati e risultati di analisi dello studio si prega di visitare il blog prossimamente.

La sindrome di Stendhal

E’ possibile però che oltre ad effetti positivi, la visione di un opera d’arte sia in grado di provocare un malessere psicofisiologico?
La risposta è si ed è racchiusa nella cosiddetta Sindrome di Stendhal o Sindrome di Firenze, per il fatto che è questa la città dove nell’ospedale di Santa Maria Nuova si riscontrano almeno un caso al mese di ricovero di pazienti colpiti da improvvisi disturbi psichici.
Con “Sindrome di Stendhal” si fa riferimento a una serie di esperienze critiche, di episodi di scompenso psichico acuti, improvvisi e di breve durata, tutti di carattere benigno, ovvero privi di conseguenze e tutti correlati con l’elemento del viaggio in luoghi d’arte.
Si manifesta con tre differenti tipologie di disturbo.
La prima è quella identificabile con crisi di panico e ansia somatizzata, dove i soggetti accusano improvvisamente palpitazioni, difficoltà respiratorie, malessere al torace, la sensazione di essere sul punto di svenire e conseguentemente lo sviluppo di un vago senso di irrealtà. Tali condizioni portano ad avvertire un improvviso bisogno “di casa”, di tornare nella propria terra, di parlare la propria lingua.
Le altre due tipologie sono invece più serie. Una riguarda prevalentemente i disturbi dell’affettività, e si manifesta con stati di depressione come crisi di pianto, immotivati sensi di colpa, senso di angoscia o all’opposto con stati di sovraeccitazione; l’altra riguarda i disturbi del pensiero, con alterata percezione di suoni e colori e senso persecutorio dell’ambiente circostante.
Non esistono opere o autori particolari che suscitino le reazioni descritte. Questo è un concetto molto importante: non sono le opere in sé, ma piuttosto alcune peculiarità proprie del singolo oggetto estetico che in particolari circostanze scatenano nel fruitore, a seconda anche della sua storia personale, una sostanziale difficoltà di contenimento delle emozioni e dunque una condizione di disagio.
Il fattore scatenante la crisi si ha spesso durante la visita ad un museo della città, dove il visitatore è colpito dal senso profondo di una o più opere, la relazione di queste con i loro creatori che trascende le immagini ed i soggetti.
Queste manifestazioni di “malessere” spesso hanno una manifestazione che porta ad assumere un comportamento di isteria nei confronti dell’opera che può sfociare in tentativi di sfregio o distruzione dell’opera.
Ecco quindi un esempio di effetto negativo che le opere d’arte possono trasmettere; effetto negativo che però nasce dalla grandezza artistica dell’opera in grado di trasmettere emozioni talmente grandi che non riescono ad essere contenute dall’osservatore che si sente così piccolo di fronte alla potenza artistica.


Per approfondimenti:
Film : “La Sindrome di Stendhal” di Dario Argento, 1996
Libri: “La Sindrome di Stendhal. Il malessere del viaggiatore di fronte alla grandezza dell’arte” di Magherini Graziella, Ponte alle Grazie Editore 2003, 219 pp.

Cellulare per 10 anni, niente tumori.


L'uso del telefono cellulare per meno di 10 anni 'non comporta incrementi del rischio di tumori cerebrali o di neurinomi del nervo acustico'. Lo hanno rilevato dagli esperti dell'Istituto Superiore di Sanita' dopo la prima generazione di studi sulla relazione tra uso del cellulare e rischio tumori in organi e tessuti piu' vicini all'antenna degli apparecchi. Per le durate di uso piu' elevate, cioe' oltre i 10 anni, 'i dati sono scarsi e le conclusioni sono di conseguenza incerte e preliminari'.
Fonte ANSA.

In figura, cervello con tumore della fattispecie Glioma visto alla risononanza.

Neonode sfida Apple


Neonode è una azienda svedese di dispositivi mobili. Ed ecco che annuncia l'uscita per l estate del nuovo telefono cellulare... Qualche somiglianza con l' iPhone di Apple forse?

Amici nel mondo...

Quest'anno è l'anno delle partenze. Chi in Erasmus, chi per lavoro e chi "for fun"! Dedico questo post alla lista di amici che in questo momento si trovano sparsi nel mondo in ordine di partenza.

Alessandro, Fila - Cile- per lavoro. Partito a gennaio tornerà a luglio.

Marco, Toby - Tromso (Norvegia) - Erasmus. Partito a gennaio tornerà a giugno. (tranquii.blogspot.com)

Amedeo - Cile - Per cazzeggio. Partito a marzo tornerà ad aprile.

Nicola, Zenni - Nuova Zelanda - per lavoro. Partito a marzo tornerà a giugno.

Marcello, Maru - Giappone - per cazzeggio e studio. Partirà a fine mese e tornerà a giugno. (www.marumaru.tk)

A presto....

Immagini di Risonanza Magnetica Funzionale

Ecco un video che mette in mostra come viene visualizzata un immagine del cervello in Risonanza Magnetica Funzionale.


Energie rinnovabili

Da Beppe Grillo

Un cittadino italiano ha finalmente deciso che gli fa troppo male respirare le polveri sottili e vedere persone a cui vuole bene morire di cancro intorno a sé per il benessere delle multinazionali petrolifere e ha chiesto alla commissione europea (dipartimento dell'ambiente) di creare una legge che obblighi i padroni del petrolio ad installare accanto ad ogni distributore di benzina almeno un distributore ad idrogeno e di incominciare a produrlo utilizzando energie rinnovabili.
In parole povere questa legge favorirà l'introduzione sul mercato delle automobili ad idrogeno a ***ZERO INQUINAMENTO*** e ad alte prestazioni!!!
Finalmente potremo respirare a pieni polmoni e anche i figli dei nostri figli!
L'auto del futuro esiste già ed in vari modelli!
Bastano 800.000 firme per far abbassare la testa ai padroni del petrolio.
Firmate la petizione per voi, i vostri amici e parenti!
Cogliamo questa opportunità e facciamone un'arma, anche per altre piccole
battaglie.


PER FIRMARE LA PETIZIONE SUL LINK QUI SOTTO:
http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html
<http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html>

PS: per favore, fatela girare, questa e' seria ... non diciamo poi che non
cambia mai niente se non ci impegniamo almeno in queste occasioni.


Come funziona la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI)?


Al tempo della sua prima realizzazione, nel 1990 o giu` di li`, il nome completo della Risonanza Magnetica Funzionale includeva anche l'aggettivo "nucleare"; in seguito, questa parola e` stata omessa perche` creava un forte attrito con la conoscenza media che i pazienti sottoposti a questo esame di imaging avevano riguardo a tutto cio` che e` nucleare, ossia potenzialmente dannoso.
L'fMRI consente di misurare le variazioni dell'attività cerebrale nel tempo e di evidenziare le aree preposte al controllo di una parte dell'organismo o di una specifica funzione (udito, linguaggio, di una mano) rilevando le aree che si attivano durante l'esecuzione di una determinata funzione cerebrale, sia essa motoria, sensoriale o cognitiva.
Lo scanner di Risonanza Magnetica è un potente magnete, comunemente 1,5 Tesla (quello del CIMeC è di 4 Tesla!), circa 25.000 volte il campo magnetico esperito sulla Terra. Gli elementi fondamentali dello scanner sono il CAMPO MAGNETICO STATICO, il COIL A RADIOFREQUENZE e i GRADIENTI.
Il CAMPO MAGNETI STATICO è generato dal passaggio di corrente in un filo, più corretne = più intensità del campo(Tesla).
Il segnale di risonanza magnetica si basa sulle caratteristiche magnetiche di alcuni nuclei (ad es. H,P,N). Questi nuclei hanno uno "spin" nucleare diverso da zero e si comportano come piccoli dipoli. Quando essi di trovano in un campo magnetico, gli spin si allinenao nella direzione del campo causando una magnetizzazione netta della prova. Allo stato di equiilibrio il vettore di magnetizzazione netta è orientato nella direzione del campo nel quale si trova la rova (direzione asse-Z). Questo stato di equilibrio può essere modificato mediante assorbimento di fotoni ad alta energia,i quali riducono l'ampiezza del vettore di magnetizzazione netta. La prova si trova ora ad uno stato energetico alto e ritornerà spontaneamente allo stato di equilibrio emettendo la stessa quantità di energia che era stata assorbita, in un tempo specifico. L'energia emessa costituisce il segnale misurato in RISONANZA MAGNETICA. Se un secondo campo magnatico viene applicato alla prova, il vettore di magnetizzazione netta comincerà a ruotare attorno all'asse Z. Le disomogeneità del campo magnetico locale influenzano questo moto attorno all asse Z, con delle specifiche dinamiche temporali descritte dalla costante T*. Quest'ultima è alla base del segnale di RISONANZA MAGNETICA FUNZIONALE. E' importante notare che il campo magnetico locale è influenzato da interazioni molecolari, le quali possono dipendere dal livello di attività cerebrale.
ùin particolare, un'alta attività neurale si associa ad unaumento di consumo di ossigeno, il quale risulta in un cambiamento del rapporto fra la concentrazione di ossi-emoglobina e deossi.emoglobina.
visto che le due molecole hanno proprietà magnetiche diverse, questo risulta in un cambiamento del campo magnetico nel quale si trovano le molecole d'acqua (contenenti H) del sangue, e dunque anche del valore T*. Utilizzando specifiche combinazioni di gradienti magnetici è possibile ottenere un segnale sensibile al valore T*, permettendo di studiare, anche se in maniera indiretta, l'attività neurale. Il segnale misurato in questo modo si chiama BOLD signal che dipende dal livello di ossigenazione del sangue.
La figura rapprensenta le immagini ottenute in fMRI mentre un soggetto cieco dalla nascita legge il braile con la mano destra. In rosso sono evidenziate le zone cerebrali attive durante questo compito.

Università degli Studi di Trento- INAUGURAZIONE Centro Interdipartimentale Mente e Cervello- 13 e 14 marzo 2007



Il CIMeC (Centro interdipartimentale Mente/Cervello) è un centro, diretto dal professore Alfonso Caramazza, trasferitosi a Rovereto da Harvard, dove era docente di psicologia e dirigeva il Neuropsycology Cognitive Laboratory, che studia il funzionamento del cervello umano attraverso l'analisi delle sue caratteristiche funzionali, strutturali e fisiologiche, sia allo stato normale che patologico. Per indagare i correlati neurali del comportamento, il Centro dispone di metodiche di neuroimmagine all'avanguardia come il nuovo acquisto della Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI) della potenza di 4 Tesla. Il CIMeC si compone di vari laboratori di neuroscienze cognitive per la ricerca clinica e di base, di laboratori computazionali e di psicologia sperimentale.
Il CIMEC si trova in via delle Regole 101, Mattarello (TN).
In occasione dell'inaugurazione del Centro è stato promosso un Symposium dal titolo "Mind/Brain sciences in the 21st century"durante il quale scienziati di fama internazionale hanno discusso le possibilità di sviluppo dei relativi ambiti di ricerca, per svelare infine quali sono, a loro avviso, le più probabili conquiste derivanti dai loro studi.
Erono presenti, tra gli altri, la psicologa Elisabeth Spelke, co-direttrice del 'Mind, Brain, and Behavior Initiative' all'Università di Harvard; l'etologa Elisabetta Visalberghi, dirigente di Ricerca dell'Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche a Roma, presidente della Società Italiana di Etologia e segretario generale dell'International Primatological Society; il neurobiologo Alvaro Pascual-Leone , direttore del Beth Israel Deaconess Center e del Laboratory for Magnetic Brain Stimulation presso l'Università di Harvard, l'antropologo cognitivista francese Dan Sperber, direttore di ricerca presso il CNRS di Parigi, lo scienziato francese Marc Jeannerod dell'Institut des Sciences Cognitives; Richard Frackowiak, direttore del Wellcome Functional Imaging Department all'University College di Londra; il neuroscienziato Albert Galaburd dell'università di Harvard.